“L’uomo è un mistero tremendo” diceva Sofocle. Che senso ha una affermazione del genere?

Sofocle ha scritto l’affermazione “L’uomo è un mistero tremendo” nel primo stasimo dell’Antigone, una tragedia greca del V secolo a.C. In questo stasimo, il coro esalta la grandezza e la potenza dell’uomo, ma allo stesso tempo ne sottolinea la fragilità e la contraddittorietà.

L’uomo è un mistero perché è capace di grandi cose, come la creazione della civiltà e della cultura, ma è anche capace di grandi malvagità, come la guerra e la violenza. È un mistero perché è capace di amare e di odiare, di costruire e di distruggere.

L’affermazione di Sofocle può essere interpretata in diversi modi. In un senso, può essere vista come una riflessione sulla natura umana, che è complessa e contraddittoria. In un altro senso, può essere vista come una critica alla hybris, la tracotanza umana, che porta l’uomo a compiere azioni che lo portano alla rovina.

In particolare, nel contesto dell’Antigone, l’affermazione di Sofocle può essere vista come una riflessione sulla protagonista della tragedia, che è una donna che sfida le leggi della città per onorare il proprio fratello morto. Antigone è un personaggio che incarna la grandezza e la fragilità dell’uomo. È una donna forte e coraggiosa, ma è anche una donna che è disposta a sacrificare la propria vita per i propri principi.

L’affermazione di Sofocle è ancora oggi attuale, perché riflette la nostra stessa ambiguità. Siamo esseri capaci di grandi cose, ma siamo anche esseri capaci di grandi malvagità. Siamo esseri complessi e contraddittori, e forse è proprio questa complessità che ci rende così affascinanti.

La tua filosofia di vita
può essere uno spunto di riflessione per tanti, condividila.


    Aiutaci a prevenire lo spam rispondendo alla domanda in numero