COME RISPONDERE ALLA DELUSIONE NEL MODO GIUSTO ?

La delusione e lo sport così spesso vanno di pari passo. Prestazioni scadenti, sconfitte, infortuni, caduta, mancato miglioramento: ogni sportivo ha sperimentato una o tutte queste più volte. Ma come rispondere a tanta delusione? In particolare, come deve rispondere lo sportivo cristiano?

Delusione sana vs delusione malsana

In primo luogo, va detto che sentirsi delusi di per sé non è male. È una risposta naturale quando le cose non vanno come speravamo e può essere davvero difficile da affrontare. Ma la nostra risposta all’essere delusi può essere sana o malsana.

Una sana delusione nasce da una visione dello sport incentrata su Dio. Se sei frustrato da una mancanza di progresso o dall’incapacità di sfruttare al meglio i tuoi talenti che Dio ti ha dato durante la giornata, o se un difficile ritorno dall’infortunio ti ha lasciato lottare per goderti lo sport come facevi una volta, allora stai esibendo una sana delusione. Stai vedendo lo sport come un culto, ma sei semplicemente scoraggiato dal fatto che le prestazioni ei risultati non siano esattamente dove potrebbero essere.

Una delusione malsana è profondamente concentrata su se stessi. Forse la sconfitta o l’infortunio sembra che il tuo mondo sia crollato intorno a te, o ti senti come se la tua stessa identità fosse messa in discussione mentre la tua reputazione sportiva subisce un colpo. Forse rispondi allenandoti senza sosta, fino all’ossessione, spinto dal desiderio di dimostrare alle persone che si sbagliano. Puoi trovare scuse o incolpare altri come un allenatore o compagni di squadra mentre cerchi di giustificare le tue scarse prestazioni o il fallimento della squadra. La delusione malsana ti consuma mentre ti concentri su te stesso.

Lo sport come idolo

In definitiva, una risposta malsana alla delusione sportiva è un sintomo di un problema più profondo. Una delle cause principali di una malsana delusione è considerare lo sport come un idolo.

In altre parole, il tuo sport è diventato il tuo obiettivo principale. Il tuo desiderio di raggiungere e avere successo nel tuo sport è una delle cose, se non la più grande, della tua vita. Quindi, quando arriva la delusione, non c’è da stupirsi che tu sia devastato. Se vincere la medaglia d’oro o vincere il campionato è della massima importanza, il fallimento significa che non hai appena perso una competizione sportiva ma hai fallito nel tuo scopo principale nella vita.

Il profeta Isaia descrive i nostri idoli come un “fardello” che dobbiamo portare (Isaia 46 v 1). Piuttosto che alleggerire il nostro carico e renderci liberi di dare il massimo, l’idolo dello sport pesa sulle nostre spalle. Non solo, un idolo distoglie la nostra attenzione da Dio. Troppa concentrazione sulle nostre ambizioni sportive frustrate può oscurare la nostra immagine di Dio e di chi siamo in relazione a Lui.

Lo sport dovrebbe essere visto come un buon dono di Dio da godere, non come un dio a sé stante. Se consideriamo il successo sportivo come la fonte del nostro scopo e della nostra gioia, la delusione sportiva ci devasterà perché sicuramente ci deluderà.

Lo sport come identità

In alternativa, o addirittura in aggiunta, la tua prestazione sportiva può essere la base stessa della tua identità. Sei conosciuta come quella ragazza sportiva che vince sempre, o come il ragazzo che è Mr Dependable nella squadra. Quindi, quando fallisci, non solo hai perso, ma la tua reputazione e quindi la tua identità è nel migliore dei casi messa in dubbio, o nel peggiore a brandelli. Una reazione malsana alla delusione sportiva è spesso il risultato di un posizionamento errato della nostra identità nelle nostre prestazioni sportive.

Fondamentalmente, lo sportivo cristiano deve ricordare che la sua identità è in Gesù. L’apostolo Pietro ce lo ricorda quando descrive i cristiani come “un popolo eletto, un sacerdozio regale, una nazione santa, un possesso speciale di Dio” (1 Pietro 2 v 9). Apparteniamo a Dio; Si prende cura di noi. La nostra identità sta nel fatto che siamo creati e amati da Dio e che siamo redenti da Gesù. La nostra prestazione sportiva (buona o cattiva) non ci definisce, né è una misura del nostro valore. Piuttosto, lo sport è un’espressione di adorazione a questo buon Dio mentre usiamo i talenti e le capacità che ci ha dato come meglio possiamo.

Rispondere alla delusione sportiva in modo divino

Quindi come possiamo garantire una risposta sana, piuttosto che malsana, di fronte alla delusione sportiva? In breve, è ricordare a noi stessi la verità di chi è Dio e chi siamo noi in Gesù.

Considera lo sport nient’altro che un buon dono di Dio. Deve essere goduto e celebrato, ma mai messo al di sopra di Dio, mai messo come la cosa ultima della nostra vita. Ciò solleverà il peso di dover esibirsi e ci aiuterà ad affrontare la delusione con una prospettiva chiara.

E ricordiamoci della nostra identità in Cristo. Il nostro valore e il nostro bisogno vengono da Dio, non dalle nostre prestazioni sportive. Lo sport ci deluderà quando arriverà un infortunio o una sconfitta, ma possiamo essere certi che la nostra identità è permanentemente al sicuro in Gesù.

La tua filosofia di vita
può essere uno spunto di riflessione per tanti, condividila.


    Aiutaci a prevenire lo spam rispondendo alla domanda in numero