Il senso della Vita

Il senso della vita è quello di trovare
il vostro dono.
Lo scopo della vita è quello di regalarlo.

Pablo Picasso


L’uomo si interroga continuamente sul chi sono, cosa faccio, dove vado senza fermarsi a riflettere sul valore del dono che ha già ricevuto: la Vita.

Ma che cos’è il Dono?

La parola “dono” ha molteplici sfumature di significato, che si intrecciano tra loro:

  • Atto del donare: Si riferisce al dare qualcosa a qualcuno in maniera spontanea e gratuita, senza aspettarsi nulla in cambio. Può trattarsi di un oggetto materiale, come un regalo, ma anche di qualcosa di immateriale, come un favore, un atto di gentilezza o un gesto d’amore. Il valore del dono non risiede necessariamente nel suo costo, ma piuttosto nel suo significato e nella sua capacità di esprimere affetto, gratitudine o altri sentimenti.
  • In senso figurato: Come qualità o talento indica una dote naturale o una capacità innata posseduta da una persona. Si parla di dono della parola, dono della musica, dono della bellezza e così via. In alcuni contesti, il termine dono può riferirsi al prodotto o al frutto di qualcosa, come ad esempio i doni della terra, i doni del mare o i doni della scienza.

Indipendentemente dal suo significato specifico, il dono è sempre legato a un’idea di generosità, altruismo e reciprocità. Chi dona compie un gesto di apertura verso l’altro, offrendo qualcosa di prezioso senza chiedere nulla in cambio. Chi riceve, a sua volta, dovrebbe apprezzare il dono e ricambiare con gratitudine e generosità.

Il dono assume un ruolo importante in diverse culture e tradizioni. È spesso utilizzato per celebrare occasioni speciali, come compleanni, festività e ricorrenze. Può essere anche un modo per esprimere gratitudine, amore o amicizia.

Ma ci siamo mai chiesti quali dinamiche emotive racchiude ricevere un dono?

Cosa succede quando ci fanno un regalo?

La prima sensazione è sicuramente quella di felicità emotiva per aver ricevuto un regalo

Ciò che succede poi nel 99% dei casi è scartare con impazienza il regalo ricevuto per acquietare l’ansia della sconosciuta sorpresa!
Ed è proprio nella parola sconosciuta sorpresa che si nasconde il nostro atteggiamento verso gli imprevisti della Vita:
Sarò deluso o contento della sorpresa? Ho paura a scartare il regalo? Mi turba sapere che non è quello che volevo?

In base alle emozioni che ci pervadono nella semplicità di ricevere un regalo, potremmo scoprire molte sorprese di noi stessi:

  • delusione, nascosta da educazione = non abbiamo ricevuto quello che volevamo, ma per educazione ringraziamo.
  • felicità, nascosta da sufficienza = abbiamo ricevuto un dono e la cosa ci fa piacere, ma la mancanza di umiltà, ci fa “subire” con sufficienza il dono poichè donare ci mette in una condizione di superiorità rispetto al ricevere. Per taluni, la parola grazie è un grande sofferenza, per questo ringraziare è la prima cura alle nostre sofferenze.
  • gratitudine spontanea = consapevolezza di aver ricevuto non solo una cosa, ma qualcosa di più: abbiamo ricevuto una testimonianza d’Amore inaspettata.

Ogni mattina, quando apriamo gli occhi, rinnoviamo il dono della Vita.
E questo è il Grande Amore che riceviamo ogni giorno. Almeno un Grazie, no?!

La tua filosofia di vita
può essere uno spunto di riflessione per tanti, condividila.


    Aiutaci a prevenire lo spam rispondendo alla domanda in numero